Ultime News

INNOVAZIONE SOCIALE IN AZIENDA

Può un’azienda profit aprire le porte all’Innovazione Sociale?    Quali sono gli strumenti e le metodologie per perseguire questo obiettivo?    Quali... Approfondisci
14.12.2019

"Piacere D.E.Mo.S."

Per la promozione dell'attività della Fondazione ITS D.E.Mo.S. il giorno 13 Aprile 2019, presso la Palestra dell'IISS "L.Pilla", Via Veneto, 21 a Campobasso, dalle ore 9:30 alle ore 13:00, si terrà l'evento di orientamento e formazione, rivolto a tutti gli opinion leader e... Approfondisci
01.04.2019

Save the date - AgriOIL 4.0 Fondazione ITS D.E.Mo.S. - 19 luglio 2018

DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE  Il corso AgriOIL 4.0 ha l’obiettivo di formare Tecnici Superiori in possesso di conoscenze e competenze professionali: per fornire servizi innovativi e competitivi di assistenza tecnica agronomica, gestionale e commerciale alle aziende di... Approfondisci
26.06.2018

Obbligo di indicazione dello stabilimento di produzione in etichetta

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 44 del 14 settembre 2017, ha approvato il decreto legislativo che reintroduce l'obbligo di indicare lo stabilimento di produzione o confezionamento in etichetta. Il provvedimento prevede un periodo transitorio di 180 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta... Approfondisci
20.09.2017

IMBALLAGGI ATTIVI - Riduzione degli sprechi alimentari e frontiere del confezionamento innovativo

L'evoluzione del packaging alimentare ha visto, negli ultimi due decenni, un'accelerazione negli studi, nella sperimentazione e nell'applicazione di elementi costruttivi, che offrono interessanti orizzonti nella riduzione dello spreco alimentare Il tema del packaging nel comparto... Approfondisci
29.08.2017
Sfoglia l'archivio: 12345

Attività

Safety

I temi della qualità, della sicurezza e della Responsabilità sociale rappresentano sempre di più il fulcro di una corretta organizzazione aziendale.

In tale contesto per le aziende si impone il rispetto degli standard previsti dalla normativa nazionale e da quella europea in tema di sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro e sul rispetto dei requisiti previsti in tema tutela dei dati e della Responsabilità sociale. Il D.Lgs. n. 81/2008, attuativo dell’art. 1, legge n. 123/2007, detta la disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, G.U. 30/04/2008, n. 101, S.O. n. 108).

La normativa che si incentra particolarmente sulla valutazione del Rischio impone obblighi precisi ed indiscriminati per tutti i datori di lavoro e lavoratori; implica necessariamente un costante aggiornamento sulle novità normative strumentale anche alla predisposizione dei piani di valutazione del rischio che oggi risponde ai requisiti del recentissimo decreto legislativo 3-8-2009 n. 106 Disposizioni integrative e correttive del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

E’ inoltre facoltà delle aziende certificare la parte relativa alla sicurezza adottando un Sistema di Gestione per la Sicurezza conforme ai requisiti della norma OHSAS 18001.

In tale contesto la Genus Consulting Group offre una consulenza specifica relativa tanto all’adeguamento e al rispetto delle norme relative a tutti standards riferiti alla sicurezza sui luoghi di lavoro per l’implementazione di sistemi e procedure per S.G.S. certificati quali: OHSAS 18001 (high STD).

Servizi

Grazie ai suoi esperti collaboratori, Genus group, è in grado di fornire il supporto per DVR e DUVRI.

Il DVR al D.Lgs.81/2008

Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) secondo l'Art. 18 del D.lgs. 81/08 è quel documento che la legge sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (Art. 18 del D.Lgs.81/08) ha imposto a tutte le aziende come mezzo per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro e dimostrare agli organi di controllo l'avvenuta Valutazione dei Rischi per tutelare la salute dei lavoratori.

Si tratta quindi di un documento obbligatorio (è imposto per legge e la mancata presenza di esso all'interno dell'azienda comporta sanzioni e responsabilità), che deve essere tenuto in azienda e serve principalmente a delineare tutti gli interventi che devono essere attuati per eliminare, ridurre o controllare rischi e pericoli presenti all'interno dei luoghi di lavoro. Per la sua redazione è necessario analizzare la struttura aziendale e le attività operative per individuare i rischi e valutare i pericoli che gravano sulla sicurezza. Si tratta di un'attività non facile, che non sempre il datore di lavoro (l'unico responsabile della mancata compilazione del documento) è in grado di svolgere.

Genus group offre il servizio di redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.

DUVRI - (Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti)

Il datore di lavoro committente, colui che affida attività lavorativa a ditte esterne, ai sensi dell'articolo 26 del D.Lgs. 81/2008, ha l'obbligo di promuovere la cooperazione e il coordinamento delle attività svolte da soggetti terzi, elaborando un unico documento di valutazione dei rischi interferenti (il cosiddetto DUVRI) per attuare le relative misure di prevenzione e protezione garantendo così la sicurezza dei lavoratori. Il datore di lavoro dovrà quindi elaborare il DUVRI valutando tutti i rischi (sia i propri che quelli dell'azienda appaltatrice) che potrebbero dare interferenza durante lo svolgimento dell'attività lavorativa.

Si tratta quindi di un documento obbligatorio (è imposto per legge e la mancata presenza di esso all'interno dell'azienda comporta sanzioni e responsabilità), che deve essere tenuto in azienda e serve principalmente a delineare tutti gli interventi che devono essere attuati per eliminare, ridurre o controllare rischi e pericoli presenti all'interno dei luoghi di lavoro. Per la sua redazione è necessario analizzare la struttura aziendale e le attività operative per individuare i rischi e valutare i pericoli che gravano sulla sicurezza. Si tratta di un'attività non facile, che non sempre il datore di lavoro (l'unico responsabile della mancata compilazione del documento) è in grado di svolgere.

Genus group offre il servizio di redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.

La certificazione OHSAS 18001

È una Certificazione appositamente studiata per aiutare le aziende a formulare obiettivi e politiche a favore della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori (SSL), secondo quanto previsto dalle normative vigenti e in base ai pericoli ed ai rischi potenzialmente presenti sul posto di lavoro.

  • La certificazione OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series) definisce i requisiti di un Sistema di Gestione della SSL. Tali requisiti verranno implementati dall'azienda e verificati da un Ente qualificato a rilasciare il relativo Certificato di Conformità.
  • OHSAS 18002: Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori - Linee guida per l'implementazione dello standard OHSAS 18001".

Le aziende operanti in qualsiasi settore di attività che desiderano:

Dotarsi di un Sistema di Gestione della SSL al fine di tutelare tutti coloro che si trovano più facilmente esposti a rischi per la salute e la sicurezza nello svolgimento delle rispettive mansioni.

  • Implementare, gestire e migliorare nel tempo un Sistema di Gestione della SSL.
  • Assicurare la conformità con quanto stabilito dalla propria politica di SSL.
  • Dimostrare all'esterno la propria conformità.
  • Certificare il proprio Sistema di Gestione della SSL avvalendosi di un'organizzazione indipendente.

 

Servizi di SECURITY

Progettazione di sistemi di sicurezza DATI – UNI BS 779

Lo standard BS 7799 è stato sviluppato in risposta ad una precisa domanda dei settori dell'industria, del commercio e della Pubblica Amministrazione, alla ricerca di un framework comune per sviluppare e implementare un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni.

Lo standard è composto da due parti:

  • BS 7799 – Part One

    elenca le "best practice" necessarie per implementare un Sistema di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni.

  • BS 7799 – Part Two

    stabilire, implementare, mantenere e migliorare un Sistema di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni (SGSI). È la parte certificabile della norma.

    "La sicurezza è un processo, non un prodotto"

    • Lo standard BS 7799 enfatizza il concetto di "Sistema di Gestione", generalmente estraneo al mondo degli standard per la sicurezza informatica
    • permettendo così di tenere sotto controllo in modo sistematico e continuativo tutti i processi ritenuti critici per la continuità del business e la protezione delle informazioni come asset aziendale.
  • Le dieci aree da controllare

    Nei dieci capitoli della norma sono descritti gli elementi che contribuiscono alla realizzazione di un efficace programma di sicurezza:

    • Politica di sicurezza
    • Organizzazione per la sicurezza
    • Controllo e classificazione delle risorse
    • Sicurezza del personale
    • Sicurezza materiale e ambientale
    • Gestione operativa e comunicazione
    • Controllo degli accessi
    • Sviluppo e manutenzione dei sistemi
    • Gestione della business continuity
    • Conformità
  • Certificare il proprio Sistema di Gestione della SSL avvalendosi di un'organizzazione indipendente.

Progettazione di DPS: Sistemi per la Sicurezza dei Dati Personali – “Tutela della Privacy” D. Lgs 196/2003

Il primo gennaio 2004 è entrato in vigore il "Codice in materia di protezione dei dati personali". Il "Codice" all’articolo 34, punto g) recita che il titolare di "Trattamenti con strumenti elettronici" è obbligato alla "tenuta di un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza".

Il Documento Programmatico sulla sicurezza è' il documento che attesta l'adeguamento della struttura alla normativa sulla tutela dei dati personali. Deve essere predisposto entro il 31 marzo di ciascun anno. Il DPS è un manuale di pianificazione della sicurezza dei dati relativi alla privacy in azienda: descrive come si tutelano, al momento della redazione, i dati personali ed eventualmente sensibili e giudiziari di dipendenti, collaboratori, clienti, utenti, fornitori ecc. e come l'azienda pensa di tutelarli in futuro (programmazione, implementazione misure, verifiche, analisi dei risultati ecc.).

  • Il (DPS) deve contenere, al minimo (regola 19 dell’allegato B, "Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza" , del D. Lgs. n.196:
    • l'elenco dei trattamenti di dati personali;
    • la distribuzione dei compiti e delle responsabilità nell'ambito delle strutture preposte al trattamento dei dati;
    • l'analisi dei rischi che incombono sui dati;
    • le misure da adottare per garantire l'integrità e la disponibilità dei dati, nonché la protezione delle aree e dei locali, rilevanti ai fini della loro custodia e accessibilità;
    • la descrizione dei criteri e delle modalità per il ripristino della disponibilità dei dati in seguito a distruzione o danneggiamento (...);
    • la previsione di interventi formativi degli incaricati del trattamento (...);
    • la descrizione .
  • Le Misure di Sicurezza:
    • Misure Minime: sono disciplinate dagli Artt. 33 e seguenti e sono obbligatorie.
    • Misure Idonee: sono disciplinate dall’Art. 31, sono in relazione allo stato della tecnologia adottata.

Certificazione Etica SA 8000

  • La Corporate Social Responsibility (CSR)

    è l'integrazione su base volontaria dei problemi sociali ed ambientali delle imprese nelle loro attività commerciali e nelle loro relazioni con le altre parti.

    (Libro Verde della Commissione Europea)

    • A livello globale è emersa la necessità di un'attenzione e controllo degli impatti della gestione delle organizzazioni sugli stakeholder, avendo come obiettivo ultimo quello di un approccio integrato ed equilibrato tra fattori e prestazioni economiche, sociali ed ambientali condiviso con parti interessate e partner sociali.
    • La Corporate Social Responsibility sta emergendo come strumento che permette all'azienda di agire sulle quattro dimensioni chiave della sostenibilità: comunità - ambiente - workplace - marketplace.
    • Adottando pratiche di Corporate Social Responsibility le organizzazioni possono garantire un approccio globale alla gestione dei rischi d’impresa, finalizzato alla soddisfazione delle esigenze di tutti gli stakeholders coinvolti